Splendido Campionato Italiano

Il Campionato Italiano Open organizzato dal Circolo Vela Bellano ci ha regalato 2 splendide giornate di vento con 7 prove combattute, di eccezionale livello tecnico e con una flotta sempre compatta.

Venerdì 10

Tre prove con 8-10 nodi di Breva, la brezza da sud. Yusko-Pichuguin-Severianov (UKR 1) e Koch-Zeileis-Dietzel (GER 1), dall’alto della loro classe, vanno a occupare stabilmente le prime due posizioni. Sul versante nazionale il livello competitivo di questo Campionato Italiano si rivela subito elevato con l’equipaggio locale (ITA 251) Boracchi-Greco Manuli-Negri che la fa subito da padrone con due terzi posti, seguito da Maccari-Garrone-Garrone (ITA 119) nella prima e da Armellini-Papini-Armellini (ITA 241) nella seconda prova. La terza prova, con il vento in sensibile calo, vede al terzo posto Tognozzi-Haraldsen-Taiani (ITA 258), seguito da ITA 241.

Alle 19 si tiene l’assemblea di classe e quindi tutti alla terrazza sul lago del Cavallo Bianco per una squisita cena di gala, anticipata a venerdì visto il meteo sfavorevole di sabato.

Sabato 11

Il mattino vede un lago battutto dal Ventone, un forte vento da nord, con continui e importanti salti direzionali. Cessato questo, Eolo si dimostra esausto e lascia il posto a Giove Pluvio che bagna e raffredda i bollenti spiriti dei regatanti. Il vento residuo non viene giudicato adatto alla competizione dalla Giuria, ma è l’occasione per costruire e rinsaldare rapporti di amicizia. La pioggia smette di cadere in tempo utile per consentire il pasta party all’aperto.

Domenica 12

La Breva è fin da subito gagliarda e da brezza si trasforma in vento, regalandoci la possibilità di disputare ben quattro prove. La prima vede gli equipaggi di UKR 1 e GER 1 ai primi posti seguiti da quelli di ITA 241 e ITA 258. La seconda prova segna una svolta decisiva. UKR 1 e GER 1 partono in anticipo e sono costretti a rientrare e disputare la prova in rimonta. ITA 258 è decisamente primo e ITA 241 riesce a difendere l’interno all’ultima boa di poppa dall’attacco di UKR 1, tallonato da GER 1, assicurandosi la seconda posizione e infliggendo due punti importantissimi al resto della flotta. La terza prova è un incubo per l’equipaggio di ITA 241 che, saldamente al terzo posto, al giro di boa del primo lato di poppa, non riesce ad ammainare lo spy per la rottura del bozzello in testa d’albero. UKR 1 e GER 1 chiudono ai primi posti, seguiti da ITA 258 e ITA 119. Nell’intervallo, prima dell’ultima prova, ITA 241 riesce a liberare la drizza e a partire per una splendida ultima prova, con brivido alle due ammainate di spy, fino alla vittoria finale su ITA 251 con arrivo al fotofinish. ITA 258 chiude al terzo posto.

Un plauso particolare va a De Amicis-Magrini Fioretti-De Amicis (ITA 12) che hanno nobilitato la gara con il loro meraviglioso Soling d’epoca (1969).

I risultati

Lascia un commento


*